Download libretti uso e manutenzione JAGUAR

Aggiornamenti
 mappe DVD


QUATTRORUOTE SCRIVE DI NOI



CERTIFICATO DI RILEVANZA STORICA E COLLEZIONISTICA - ASI


NEWS PANTERE RACING BARDELLI

 

 

 

 

 

 Web master: Mario Bardelli

70° #compleanno #JaguarXK

 SABATO 27 OTOBBRE 2018 dalle 16:00 alle 19:00  -  INGRESSO LIBERO - Viale Tor di Quinto 35N Roma
     

      Sarà il Jaguar Drivers’ Club in rappresentanza del nostro Paese, alla presenza di S.E. Jill Morris , ambasciatore britannico in Italia a concludere i festeggiamenti tenutisi quest’anno in tutto il mondo per i 70 anni del modello XK. Il 28 ottobre del 1948 in occasione del Salone dell’Auto di Londra, il prestigioso marchio britannico presentò la 120, primo modello della serie XK.
Il numero 120 rappresentava la velocità in miglia, la sigla XK identificava il tipo di motore.
La vettura suscitò immediatamente ammirazione e uno straordinario interesse non solo per l’affascinante e innovativa linea, ma soprattutto per la parte meccanica considerata tuttora un capolavoro dell’ingegneria inglese.
L’appuntamento per tutti gli appassionati è a Roma sabato 27 ottobre dalle ore 16 alle ore 19 presso la Bardelli Jaguar Land Rover, la più antica officina del Giaguaro, la cui attività iniziò nel lontano 1957 in viale Tor di Quinto, 35 nei pressi di Ponte Milvio.
Saranno esposte le auto che rappresentano tutta la produzione del modello XK dal 1948 al 1970. Le ultime serie erano identificate con la sigla XKE, più conosciuta come Jaguar E, modello divenuto famosissimo in Italia grazie al fumetto e successivamente al film Diabolik e che Enzo Ferrari definì ‘l’auto più bella mai costruita’.
Non mancherà anche la gemella (non elettrica) con cui il Principe Harry e Meghan Markle hanno iniziato il loro viaggio di nozze.
Per informazioni: Mario Bardelli 063333271

  inserisci la tua partecipazione all'evento su Facebook

sotto l'XK140 preparato BARDELLI alla partenza del Rally di Sanremo  "Coppa dei Fiori" - 1° di categoria - equipaggio: driver Gianluca Bardelli navigatore Stefano Alberti